Omicidio Jessica Faoro: guarda il documentario su discovery+

Il 7 febbraio 2018 la 19enne Jessica Valentina Faoro fu brutalmente uccisa con 85 coltellate dall'allora 39enne Alessandro Garlaschi, un tranviere che ospitava la ragazza nel suo appartamento. Ripercorriamo la storia grazie allo speciale disponibile su discovery+.

Sono passati esattamente tre anni dal 7 febbraio 2018, giorno in cui in un appartamento di Milano la 19enne Jessica Valentina Faoro fu assassinata con 85 coltellate dall'allora 39enne Alessandro Garlaschi, un tranviere che ospitava la ragazza nel suo appartamento in cambio di lavori domestici. Ma quella notte, dopo il rifiuto di lei alle sue avance, la uccise e poi tentò di bruciarne il corpo prima di essere arrestato. Ripercorriamo questa terribile storia grazie al documentario disponibile su discovery+

 

L'OMICIDIO DI JESSICA VALENTINA FAORO

 

Per analizzare questa triste e assurda vicenda dobbiamo allontanarci da quella normalità che solitamente si attribuisce a metropoli come Milano. Dobbiamo spostarci negli angoli più oscuri della città, lontano dagli occhi della gente, dove vivono come fantasmi i clochard, i poveri, chiunque sia ai margini della società. E dobbiamo riflettere su un dato: tra queste persone ci sono tanti, tantissimi giovani che nascono e si ritrovano subito a combattere per la sopravvivenza. Ragazzi senza una casa, senza una famiglia. E tra questi c’è Jessica Faoro, una bellissima ragazza con una personalità molto forte che sogna di diventare una cantante. Una giovane vittima delle circostanze e di un destino nefasto che sembra avergli remato sempre contro fin dalla nascita nel 1998. Jessica vive infatti fin da piccola in comunità per un provvedimento dell’autorità giudiziaria. I suoi genitori, Stefano Faoro e Annamaria Natella, anch’essi con storie complicatissime alle spalle, non hanno una casa. Ne compra una il padre quando Jessica ha 2 anni e può così tornare in famiglia. Ma i genitori litigano spesso, arrivano anche alle mani. 

 

TRE MESI DI DISCOVERY+ A 0,99 AL MESE: ATTIVALO ORA!

 

Il padre patteggia una condanna per maltrattamenti contro la moglie e nel frattempo dalla coppia nasce un altro bambino, Andrea. Che insieme a Jessica finisce in comunità. Nel 2008 la ragazza viene affidata al Comune di Milano dal Tribunale dei Minori, poi finisce presso l’Associazione Fraternità dove rimane fino al 2013. A 15 anni inizia a scappare, a 16 partorisce una bambina che viene data in adozione. Diventata maggiorenne, inizia a fare lavori saltuari, vive in strada e si innamora di Alessandro, un suo coetaneo che però finisce in carcere per vari furti. E arriviamo al 2018, quando pubblica un annuncio dove si offre per svolgere lavori domestici in cambio di vitto e alloggio. Viene così contattata dal 39enne Alessandro Garlaschi, dipendente dell’ATM, che la ospita nel suo appartamento dove vive con la moglie. Tuttavia a Jessica fa credere che quella donna sia la sorella. Jessica si dice felice, alle amiche fa sapere di aver trovato lavoro come infermiera. Ma quell’innocuo appartamento di periferia e quell’uomo così apparentemente rassicurante rappresenteranno per Jessica una trappola mortale. Ripercorriamo tutta la vicenda grazie alla puntata di “In quanto donne” dedicata proprio al caso di Jessica Faoro.   

 

*** 

Scopri discovery+, il servizio a pagamento che ti permette di guardare il meglio dei contenuti Discovery, in esclusiva e in anticipo rispetto alla TV. Con discovery+ avrai l’intero catalogo senza pubblicità, e potrai guardare i tuoi programmi preferiti dove vuoi e quando vuoi. Provalo subito! 

I più visti su Real Time Discovery+