8 marzo festa della donna

Festa della Donna: ecco perché si festeggia l'8 marzo

L'8 marzo è una data spesso legata a un incendio che sarebbe divampato in una fabbrica di New York provocando la morte di 129 donne. Ma è davvero così?

L’8 marzo, la Festa della Donna. Un giorno in cui si celebrano le conquiste sociali e politiche ottenute dalle donne nel corso della storia. Ma perché questa ricorrenza cade proprio l’8 marzo? Per anni si è creduto fosse legata a un incendio scoppiato l’8 marzo 1908 in una fabbrica di New York in cui sarebbero morte oltre cento operaie. Si tratta però di una falso storico. Il vero incendio a cui si fa riferimento sarebbe quello divampato sempre a New York il 25 marzo 1911, il più grave incidente industriale della storia della Grande Mela costato la vita a 146 persone, di cui 123 donne. In realtà le origini della Festa della Donna sono altre

FESTA DELLA DONNA: PERCHÉ SI FESTEGGIA L'8 MARZO?

Dobbiamo tornare al 1907, quando inizia a farsi strada l’idea di istituire un giorno dedicato alle donne. Ad agosto di quell’anno, durante il quinto Congresso della seconda Internazionale socialista e la conferenza internazionale delle donne socialiste, si discute del suffragio universale e vede la luce l'Ufficio di informazione delle donne socialiste. Non si arriva però a una linea comune... CONTINUA A LEGGERE QUI SOTTO

GUARDA REAL TIME IN LIVE STREAMING 24 ORE AL GIORNO

CONTINUA A LEGGERE

E arriviamo al febbraio del 1908, quando Corinne Brown, esponente del movimento socialista americano, presiede la conferenza del Partito socialista a Chicago durante la quale si parla di suffragio universale, sfruttamento delle operaie e discriminazione sessuale. Un incontro dal peso specifico smisurato che passa alla storia come "Woman’s Day". Un anno dopo, il 28 febbraio, viene celebrata in tutta la nazione la prima Giornata nazionale della donna, una ricorrenza fissata negli anni a seguire per l’ultima domenica di febbraio. Nel frattempo viene creata un’altra Giornata della Donna. Accade nel 1910 a Copenaghen, dove si riunisce l’Internazionale Socialista che ha l’obiettivo di ottenere il suffragio universale. Nel 1911 la Giornata internazionale della donna viene festeggiata il 19 marzo anche in Germania, Austria, Danimarca e Svizzera, con manifestazioni che vedono la partecipazione di oltre un milione di persone. Ad alimentare la lotta di questa marea umana ci sono il diritto di voto, il diritto di rivestire incarichi pubblici e il diritto al lavoro e alla formazione professionale. 

ATTIVA DISCOVERY+ E GUARDA IL MEGLIO DI REAL TIME 

Ed ecco spuntare la data dell’8 marzo. È il 1914 quando si svolgono manifestazioni di protesta contro la violenza della Prima Guerra mondiale. Dalle stesse motivazioni sono mosse le donne russe che nel 1917 scendono in piazza per proclamare uno sciopero al grido di “pane e pace”. Pochi giorni dopo lo Zar abdica e il governo provvisorio concede il diritto di voto alle donne. Accade esattamente il 23 febbraio, stando al calendario utilizzato a quel tempo in Russia; è invece l’8 marzo per quello gregoriano in uso in tutti gli altri Paesi. Nel 1975, nell’Anno internazionale della Donna, le Nazioni Unite celebrano l’8 marzo come Giornata internazionale della donna. A dicembre del 1977 ci pensa poi l'Assemblea generale delle Nazioni Unite a proporre a ogni Paese di dar vita alla Giornata delle Nazioni Unite per i diritti delle Donne e per la pace internazionale. In diverse nazioni questa ricorrenza cadeva l’8 marzo e così viene scelta proprio questa data come quella ufficiale. 

*** 

Scopri discovery+, il servizio a pagamento che ti permette di guardare il meglio dei contenuti Discovery, in esclusiva e in anticipo rispetto alla TV. Con discovery+ avrai l’intero catalogo senza pubblicità, e potrai guardare i tuoi programmi preferiti dove vuoi e quando vuoi. Provalo subito!